Lo studio “Variable decontamination efficacy of domestic washing machines: potential risks for home laundering of healthcare uniforms” condotto dall’Università di Leicester DMU, in collaborazione con TSA – Textile Service Association, ha evidenziato come la pratica del lavaggio casalingo delle uniformi ospedaliere sia un pericolo per la salute.

Nel Regno Unito più di 700.000 infermieri portano a casa, ogni giorno, le loro divise, sottraendole così alla sanificazione industriale.

Gli studi confermano, però, che le lavatrici domestiche non sono in grado di rispettare gli standard minimi di disinfezione, stabiliti nelle linee guida per la “Decontaminazione della biancheria per tessuti sanitari e sociosanitari” fissate dall’NHS e aggiornate al 31/08/2021.

Questi dati portano inevitabilmente a riflettere sulla gestione delle divise da lavoro negli ambienti ospedalieri: queste abitudini sono il frutto di una sottovalutazione individuale dei rischi legati all’igiene o sono parte di un problema più complesso, che riguarda “strutturalmente” la distribuzione delle uniformi?

Lavaggio casalingo delle uniformi ospedaliere: cattiva abitudine o problema “strutturale” della gestione delle divise?

In UK questa pratica viene avallata dallo stesso Ministero della Salute, con incentivi ai privati che provvedono autonomamente a lavare le loro divise, nell’errata convinzione di risparmiare denaro sulla voce di spesa legata alla “sanificazione”.
Questo comportamento è probabilmente anche frutto del timore di perdere la propria divisa o di non trovarne una adeguata all’arrivo in ospedale.
Tutto questo crea un circolo vizioso: l’operatore sanitario che fatica a reperire una divisa della propria taglia tende ad appropriarsi di un numero maggiore di divise ogni volta che ne ha l’occasione. Di conseguenza gli stock a magazzino risultano costantemente falsati poiché molte divise vengono sottratte al parco circolante pur essendo nella disponibilità dei dipendenti della struttura.

I rischi reali della mancata sanificazione industriale delle uniformi

Il mancato controllo della restituzione delle divise per la sanificazione industriale comporta un aumento dei costi per gli Ospedali: da un lato rispristinare costantemente gli stock a magazzino incide sul bilancio delle strutture ospedaliere, dall’altro le divise non sanificate possono diventare veicolo di contaminazioni e infezioni con un impatto fortemente negativo su igiene e salute pubblica.

Distribuzione automatica delle divise: come gestire le uniformi in modo igienico, tenendo sotto controllo i costi

La gestione controllata delle divise e Il mantenimento di standard igienici elevati sono i principali obiettivi che si pone un Ospedale quando decide di implementare un sistema di gestione automatica dei tessili. L’utilizzo dei nostri distributori automatici consente una distribuzione razionale e controllata delle divise, assicura un servizio h24 ed evita che le divise vengano sottratte al corretto ciclo di sanificazione industriale.
Dotarsi di un sistema di distribuzione automatica significa sapere in ogni momento dove si trovano le divise, verificarne il corretto utilizzo, ottimizzare la circolazione dei tessili e, di conseguenza, allungare la vita di ogni capo.
Inoltre, grazie al software di gestione, i nostri distributori di divise sono sempre riforniti in modo da soddisfare le richieste del personale, offrendo in ogni momento il corretto mix di taglie e articoli.
Siamo convinti che questo studio, che ha messo in luce dati allarmanti, farà riflettere sulla complessità che la logistica dei tessili comporta, e permetterà a tutti gli attori coinvolti di riflettere sul futuro della gestione delle divise, un futuro che richiede investimenti nelle migliori tecnologie, hardware adeguati e software in grado di ottimizzare i flussi di biancheria e l’analisi dei dati prodotti per una gestione intelligente dei capi da lavoro.

Foto acquisite in varie aree del mondo, in zone ospedaliere e di cura, e trattate in modo da rimuovere i tratti salienti della fisionomia dei soggetti per proteggerne la privacy. Qualora i soggetti rappresentati si riconoscessero o ritenessero ancora identificabile la propria persona e volessero esercitare il legittimo diritto a rimuovere la fotografia esposta, è possibile contattarci via e-mail a contactus@abgsys.com


Conosci le parole di ABG Systems? Scopri il Glossario dei termini tecnici che usiamo di più nel mondo dell'automazione industriale e dell'Industria 4.0!

Hai bisogno di maggiori informazioni? Contattaci!

Scrivici per maggiori informazioni sui servizi e sulle soluzioni innovative che ABG Systems mette a disposizione della tua impresa o del tuo Ente.

    Questo modulo di contatto colleziona nome, email e messaggio dell'utente in modo da permetterci di poter ricevere la vostra richiesta e poter rispondere. Controlla la nostra privacy policy per scoprire come gestiamo, proteggiamo e utilizziamo i dati degli utenti.